Il concorso letterario è promosso dal Centro Giovanile Spazio Eco di Casalecchio di Reno (BO) .
L’iniziativa invita a raccontare, attraverso un testo, la vita dei partecipanti durante la quarantena che stiamo vivendo in questi giorni di emergenza Coronavirus.
A seguito dell’ordinanza nazionale che porta ad un isolamento delle persone, riteniamo importante avere uno spazio di racconto, di riflessione ma anche di sfogo e di condivisione di tutti quei sentimenti, di quelle emozioni o momenti di vita quotidiana nuovi dettati dal particolare momento che stiamo attraversando.

Molti gli elaborati arrivati a Spazio Eco, con alcune preziose partecipazioni di ragazzi molto giovani, per un totale di 12 opere in gara.

 

Le prime tre opere classificate:

1° classificata : Il suono delle cose – Beatrice Sarais

2° classificata : Io in quarantena – Alessia Rosa

3° classificata : La solitudine del ragno – Alice Villas

 

 

I Giudizi della Giuria:

Il suono delle cose – Beatrice Sarais: L’autrice analizza  la sua quarantena partendo da dentro di sè, i momenti in cui si è ascoltata e in cui ha fantasticato. Tutto è amplificato nelle parole, chi legge è spinto a scorrere le frasi con velocità e semplicità tanto da poter  facilmente immaginare la situazione. Immedesimazione così immediata che siamo spinti a chiederci se la situazione è la sua o è la mia.

Colpiscono le prime parole: “sono quasi stata bene”, viene voglia di chiedere il significato di quel “quasi”… cosa ci sta dietro quel “quasi”…? – Prima classificata

 

Io in quarantena – Alessia Rosa: la giovane autrice scorre le fasi che ha superato nell’affrontare la quarantena. La consapevolezza di essere sola nella propria casa, a volte spaventata o incredula, l’ha portata a riflettere sulla necessità di un impegno comune per affrontare le difficoltà…non solo di questo momento – Seconda Classificata

 

La solitudine del ragno – Alice Villas: In periodi di grandi cambiamenti personali, e in questo momento anche sociali, succede ad un certo punto che iniziamo a vedere le cose sotto una prospettiva diversa. Nei viaggi accade spesso. Qualcosa che prima non pensavi inizia a farsi largo nelle tue riflessioni. Ora succede a Gaia, la protagonista di questa storia, a casa sua, guardando un ragno, relegato come lei in uno spazio definito, entrambi solitari e in attesa. Terza Classificata

 

Leave a Reply